product

0,00

Esaurito

Descrizione

Scienza aperta e digitale per le scuole e i territori 

Il percorso formativo gratuito è destinato ai docenti e alle docenti delle scuole secondarie di primo grado e al biennio delle secondarie di secondo grado.
Strutturato in 8 moduli on line da 2,5 ore sarà fruibile anche in modalità asincrona visionando le registrazioni del corso sul nostro portale di e-learning: Home – Training For Change dove sarà inoltre possibile scaricare i materiali messi a disposizione dai relatori e dalle relatrici.
Obiettivo del corso è quello di fornire ai docenti e alle docenti strumenti pratici per parlare dei temi ambientali e climatici con le classi e di lavorare e rafforzare le competenze STEAM sfruttando l’interdisciplinarietà dell’educazione civica.
Il corso prenderà avvio da una riflessione intorno alla didattica per competenze e alle materie STEAM cercando di ragionare insieme sugli stereotipi di genere che caratterizzano l’immaginario delle discipline scientifiche influenzando la scelta di percorsi di studio e di lavoro.
In seguito, seguiranno moduli tecnici che daranno gli strumenti per poter lavorare in modo interdisciplinare sui temi con attività esperienziali: monitoraggio civico e ambientale con raccolta e restituzione dei dati attraverso modalità digitali e informatiche (Digital storytelling e comunicazione social).
Alla fine del corso verranno presentati gli strumenti didattici utili per realizzare i percorsi con le classi.

Il progetto vuole sperimentare strumenti didattici innovativi, basati sulla Scienza Aperta e su un approccio laboratoriale e cooperativo per incrementare le competenze STEAM e l’educazione civica e ambientale nelle scuole contribuendo al contrasto della dispersione e dell’abbandono scolastico, allo sviluppo delle competenze di base dei minori, all’orientamento scolastico e formativo con una prospettiva di genere e al rafforzamento delle competenze degli insegnanti.

Il progetto, di durata triennale, prevede un percorso di formazione per docenti delle scuole secondarie di primo grado dei territori con la co progettazione di Unità Didattiche di Apprendimento (UDA) che verranno implementate in classe con il sostegno degli operatori e delle operatrici locali. Inoltre, verranno realizzati laboratori tematici con il contributo di esperti del settore sulle seguenti tematiche: monitoraggi ambientali, strumenti digitali di apprendimento, questioni di genere e monitoraggi civici.

Con i 3 anni di progetto le scuole e le comunità educanti verranno coinvolte in azioni di monitoraggio civico e ambientale i cui dati verranno raccontati con tecniche innovative e confluiranno nei 2 blog realizzati dagli studenti e dalle studentesse.

Questo avrà lo scopo, da una parte, di rafforzare il legame tra comunità e territori e, dall’altra, di rafforzare il ruolo delle persone in azioni di advocacy con le istituzioni locali contribuendo al benessere della collettività e del territorio.

Una parte importante del progetto prevede infatti la promozione di una forte sinergia tra gli attori dei territori coinvolti con l’obiettivo di creare momenti di confronto tra mondo della scuola, amministrazioni locali, enti di protezione e controllo ambientale e terzo settore.

Tutte le attività avranno al centro i processi partecipativi giovanili al fine di costruire spazi di presa di parola di tutti i/le minori in relazione alle decisioni riguardanti lo stato di salute del territorio.

Verrà favorita la sinergia tra gli attori con il lavoro sui Patti educativi di Comunità e valorizzati i dispositivi già in campo.

Verranno inoltre creati momenti di confronto al fine di informare correttamente le famiglie in relazione ai percorsi formativi STEAM e alle loro opportunità e attività per istituzionalizzare all’interno dei curricula scolastici l’educazione ambientale e ai cambiamenti climatici.